12° Tesseramento ADRICESTA Onlus 2017
È possibile sottoscrivere la TESSERA per diventare SOSTENITORE dell'Associazione e dei Progetti di solidarietà "Un Sogno in Corsia" e "Un Buco nel Muro".
Per informazioni clicca qui!



Sabato 16/12/17 - PESCARA
In favore del Progetto ARREDI Reparto PEDIATRIA O. C. PESCARA, sabato 16/12/2017 alle ore 21:00, presso il Teatro CIRCUS di Pescara, avrà luogo la ...
Martedì 19/12/17 - Pescara
Nei Reparti Pediatrici dell'Ospedale Civile di Pescara, martedì 19 dicembre 2017, dalle ore 10:30, ritorna l'Iniziativa "UN CARABINIERE PER ...

Vedi tutte »



Di seguito le persone e le associazioni che hanno aderito al progetto "UN BUCO NEL MURO"

Paolo Maldini
Francesco Totti
Francesco Toldo



Il progetto "UN BUCO NEL MURO" si propone, tramite internet, di varcare la soglia dell'isolamento per i piccoli pazienti ricoverati in camere sterili, inaccessibili ad un contatto umano (se non con un genitore alla volta).
E' prevista la dotazione di strumenti e sistemi di comunicazione tecnologicamente avanzati che, ricorrendo anche a telecamere collegate ad Internet, potranno alleviare il senso di solitudine per chi è costretto a vivere in piccole camere per diversi mesi, lontano dai suoi punti di riferimento abituali, quali la famiglia, gli amici e la scuola. Il progetto, partito inizialmente per l'Ospedale di Pescara, sta trovando un tale seguito in tutte le parti di Italia, che si è deciso di coprire cinque città in tutto, due al Nord e due al Sud.

I presupposti della suddetta iniziativa riguardano i seguenti punti:

con l'ausilio di un computer all'interno della camera, il bambino può comunicare con i propri amici che vengono a fargli visita (tramite postazioni multimediali all'esterno del reparto);
tramite la rete, il bambino in isolamento può interagire, cooperare e giocare insieme a tutti gli altri utenti collegati in quel momento, consentendogli in questo modo di sentirsi meno lontano dal suo punto di riferimento scolastico, nonchè familiare. Le attività proposte consentiranno di seguire una lezione scolastica, di scambiare opinioni su avvenimenti esterni e parlare delle esperienze vissute in ospedale;
con le postazioni multimediali all'esterno dei reparti, i visitatori (compagni di scuola, amici, parenti etc.) che per motivi igienici non possono entrare in reparto, tantomeno nelle camere dei bambini degenti, potranno effettuare collegamenti e dialogare in questo modo con il paziente ricoverato. L'utilizzo della posta elettronica consentirà al bambino ricoverato di progettare e lavorare, in contatto con la scuola di appartenenza, per sviluppare compiti senza sottoporsi a tempi ed orari rigidi di lavoro;
uso di internet, incontrare amici virtuali per vivere una situazione che li faccia sentire "fuori dalla camera di isolamento"; con l'introduzione delle webcam la camera sterile si trasforma in un prolungamento dell'habitat familiare e il bambino può mantenere una relazione abbastanza normale con l'ambiente, potendo collegarsi con teatri, musei, scuola e quant'altro che possa in qualche modo rompere il disagio e la fragilità vissuta in prima persona dai pazienti pediatrici in isolamento.
Ci saranno difficoltà logistiche per l'organizzazione degli spazi multimediali e di un sistema di manutenzione nei reparti, ma sarà nulla in confronto a quanto affrontato giornalmente dai piccoli ospiti, che, indeboliti dalla malattia, vivono una realtà difficile da accettare per chi ha solo volontà di giocare, ridere e conoscere amici.